Le informazioni contenute in questo sito sono destinate in via esclusiva agli operatori professionali della sanità in conformità all'art. 21 del D.Lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 s.m.i e alle Linee Guida del Ministero della Salute del 17 febbraio 2010 e successivo aggiornamento del 18 marzo 2013. AccettoMaggiori informazioni

8 novembre 2018

Individuato un marcatore capace di predire se le cellule metastatiche del carcinoma mammario nel midollo osseo sono dormienti

891_Carcinoma mammella

Il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nelle donne e, nel caso di diagnosi precoce, può essere trattato con successo ma, se metastatizza è associato, ad una elevata mortalità. Il midollo osseo è la sede più comune delle metastasi. La presenza di cellule tumorali disseminate (DTCs) nel midollo osseo (BM) è un fattore prognostico indipendente nel carcinoma mammario in fase iniziale, ma non predice in modo uniforme l’outcome. Le cellule tumorali possono persistere in uno stato di quiescenza nel tempo e mancano studi clinici sui marcatori capaci di predire la possibile riattivazione delle DTC. Un gruppo internazionale di ricercatori ha analizzato, a questo scopo, l’espressione di NR2F1 nelle DTC mediante colorazione con doppia immunofluorescenza (DIF) in 114 campioni di midollo osseo di 86 pazienti selezionate con carcinoma mammario DTC-positive. In 24 pazienti è stato possibile disporre dei campioni ottenuti in due o più momenti del percorso di follow up. Sono stati inoltre analizzati quindici campioni per il marcatore di proliferazione Ki67. I ricercatori hanno così potuto dimostrare che la proteina specifica, chiamata NR2F1, sembra svolgere un ruolo chiave nel modulare l’attività delle cellule tumorali: elevati livelli di NR2F1 presenti nelle cellule tumorali del midollo osseo erano associati con una sopravvivenza maggiore delle pazienti ed un prolungato periodo in cui il cancro è rimasto dormiente. Al contrario, livelli ridotti di NR2F1 nelle cellule tumorali metastatizzate, erano associati con una diffusione rapida del carcinoma ed una minore sopravvivenza. L’impiego quindi di questo marcatore proteico potrebbero ulteriormente migliorare il trattamento del carcinoma della mammella, evitando alle pazienti trattamenti non necessari.

NR2F1 stratifies dormant disseminated tumor cells in breast cancer patients

Elin Borgen, Maria C. Rypdal, Maria Soledad Sosa et al.

Breast Cancer Research201820:120; Published: 16 October 2018

https://breast-cancer-research.biomedcentral.com/articles/10.1186/s13058-018-1049-0#Sec11