Le informazioni contenute in questo sito sono destinate in via esclusiva agli operatori professionali della sanità in conformità all'art. 21 del D.Lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 s.m.i e alle Linee Guida del Ministero della Salute del 17 febbraio 2010 e successivo aggiornamento del 18 marzo 2013. AccettoMaggiori informazioni

5 novembre 2018

Sarà possibile fare una diagnosi più precoce della malattia di Lyme

888_Lyme

La Borreliosi (M di Lyme) viene descritta quasi esclusivamente in persone che siano andate in camporella (pick-nick). L’agente infettante è la Borrelia Burgdorferi, che infesta principalmente i cervi, e compie il ciclo intermedio nelle zecche, che trasmettono l’agente all’uomo. La Borrelia si dissemina nella cute in prossimità del morso della zecca, e produce una lesione iniziale cutanea dalla quale invade successivamente il sangue dell’ospite per indovarsi nelle meningi, SNC, articolazioni, muscoli, cuore, occhio e altri tessuti, dando luogo alla malattia sistemica. La Borrelia burgdorferi fu scoperta come causa della malattia di Lyme nel 1983, e questo a permesso la realizzazione dei dosaggi su siero. Le linee guida per la determinazione diagnostica del 1994 hanno preceduto la piena comprensione degli antigeni chiave della B burgdorferi e hanno un certo numero di carenze. Questi test sierologici non possono distinguere l’infezione attiva, l’infezione pregressa o la reinfezione. Sinora sono mancati metodi affidabili per il rilevamento diretto dell’infezione da B. burgdorferi attiva. I ricercatori di diversi centri di ricerca statunitensi hanno sviluppato una tecnica, basata sul rilevamento del DNA o proteine della Borrelia burgdorferi, che permette di individuare la presenza del batterio responsabile della malattia di Lyme molto prima rispetto alle tre settimane che sono oggi richieste dagli attuali metodi diagnostici, consentendo di iniziare il trattamento molto prima. Questo nuovo test ha inoltre il vantaggio, rilevando direttamente il DNA dell’agente della malattia di Lyme, di essere più esatto e non andare incontro a risultati falsi positivi ed ai dubbi legati agli attuali test indiretti approvati dalla FDA,

Direct Diagnostic Tests for Lyme Disease

Steven E Schutzer, Barbara A Body, Jeff Boyle et al.

Clinical Infectious Diseases 11 October 2018

https://academic.oup.com/cid/advance-article-abstract/doi/10.1093/cid/ciy614/5126199?redirectedFrom=fulltext